Uno sguardo al futuro in campo energetico

Attualità

La possibilità di accedere all’energia in maniera affidabile e sostenibile sotto il profilo economico ha completamente trasformato il modo in cui le persone vivono, comunicano, viaggiano, conducono affari, costruiscono infrastrutture e molto altro. Nei prossimi decenni, un numero sempre maggiore di persone avrà bisogno di poter accedere al potere trasformativo dell’energia.

L’edizione 2019 del rapporto della ExxonMobil sugli Scenari Energetici (Outlook for Energy) costituisce la nostra analisi più recente sul modo in cui il mondo utilizzerà l’energia in tutte le sue forme da qui al 2040.

Con l’aumento della popolazione globale e l’ampliamento dell’accesso all’energia si alzeranno anche gli standard di vita a livello mondiale. L’espansione della classe media farà crescere la domanda di case, trasporti, elettricità e beni di consumo così come dell’energia necessaria ad alimentarli. La sfida, presente e futura, è quella di soddisfare questa domanda in crescita riducendo al contempo i rischi dei cambiamenti climatici.

La tecnologia racchiude il massimo potenziale per aiutare la società ad affrontare questa duplice sfida. I progressi tecnologici hanno migliorato notevolmente l’efficienza energetica e contribuito alla scoperta di fonti di energia diversificate e ampiamente disponibili.

Non esiste un’unica soluzione a questo problema. Al contrario, sarà necessario avvalersi di un mix di fonti energetiche e di tecnologie che, guidate da appropriate politiche, contribuiranno a fornire energia in maniera affidabile in tutto il mondo.

Il rapporto quest’anno contiene sei principi chiave. Consultali di seguito.

1. L’energia è fondamentale per la vita moderna.

Nei prossimi decenni, un numero sempre crescente di persone vivrà in case moderne, acquisterà elettrodomestici che aiutano a risparmiare tempo, aprirà nuove attività e richiederà ulteriori opzioni di trasporto – e tutto ciò dipenderà dall’accesso a forme di energia moderna e affidabile. Quest’energia offre a milioni di persone la possibilità di prosperare e migliorare la qualità della vita.

2. La domanda globale di energia cresce del 20%.

Grazie ad emergenti tecnologie per l’efficienza energetica, si prevede che i paesi OCSE ridurranno la loro domanda complessiva di circa il 5% e le emissioni di COcorrelate all’energia di quasi il 25%. Nei paesi non OCSE (o in via di sviluppo), la combinazione di diversi fattori – come la crescita demografica, un più ampio accesso all’energia e il miglioramento degli standard di vita – determinerà verosimilmente un maggiore consumo di energia, facendo aumentare la domanda globale complessiva del 20% entro il 2040. La Cina e l’India, due delle nazioni a più rapida crescita nel mondo, contribuiranno molto probabilmente per circa la metà di tale incremento.

3. Circa metà dell’energia mondiale è destinata all’attività industriale.

L’aumento demografico e dell’urbanizzazione determineranno anche la necessità di nuove case, strade ed elettrodomestici. Acciaio, cemento e prodotti chimici sono materiali essenziali per soddisfare questi bisogni e, oggi, la loro produzione richiede processi industriali ad alta intensità energetica. Ma grazie a nuove, efficienti tecnologie, i produttori possono aumentare la produzione contenendo, allo stesso tempo, le emissioni.

4. La domanda globale di elettricità cresce del 60%.

Si prevede che l’esigenza di alimentare più case, fabbriche, veicoli elettrici e beni di consumo farà aumentare la domanda di energia elettrica del 60% nei prossimi vent’anni. Il gas naturale, l’energia solare e quella eolica saranno le fonti energetiche in più rapida crescita che contribuiranno a soddisfare il futuro fabbisogno di elettricità.

Oggi, il gas naturale è la principale fonte per la produzione elettrica negli USA. Ciò non si deve solo alla sua sostenibilità economica e ampia disponibilità, ma anche al fatto che rispetto agli impianti di generazione elettrica alimentati a carbone, con quelli a gas naturale le emissioni di COpossono essere ridotte fino al 60%, producendo anche meno inquinanti.

5. Le fonti energetiche a basse emissioni di carbonio crescono rapidamente, ma il petrolio e il gas naturale rimangono importanti fonti energetiche e richiedono significativi investimenti.

Oggi, più della metà dell’energia mondiale proviene dal petrolio e dal gas naturale. Anche con la rapida crescita di fonti di energia a basse emissioni di carbonio come l’eolico e il solare, è probabile che queste fonti continueranno ad alimentare il mondo anche in futuro. Per continuare a soddisfare la domanda futura, sono necessari investimenti nel settore del petrolio e del gas naturale per rimpiazzare il declino naturale dell’attuale produzione.

6. Le emissioni globali di COlegate all’energia raggiungono il loro picco ma rimangono al di sopra dello scenario dei 2°C.

Si prevede che l’aumento dell’efficienza energetica e di fonti a ridotte emissioni di anidride carbonica contribuiranno a contenere le emissioni di CO2, ma non abbastanza da traguardare lo scenario di mantenimento dell’aumento medio della temperatura mondiale ben al di sotto di 2°C rispetto ai livelli preindustriali. Per realizzare le aspirazioni della società in tema di clima sono necessarie ulteriori soluzioni tecnologiche e politiche di supporto. La ExxonMobil e i suoi partner stanno facendo la loro parte lavorando per sviluppare fonti energetiche a ridotte emissioni di COcome i biocarburanti avanzati e trovare nuovi modi per catturare la CO2.

7. Il commercio spinge i consumi energetici del settore dei trasporti di oltre il 25%.

Pur prevendendo, entro il 2040, la circolazione di più veicoli elettrici, ibridi ed efficienti sotto il profilo energetico, si stima che la domanda complessiva di energia per il trasporto continuerà comunque ad aumentare. Questo vale in particolare nelle aree geografiche in via di sviluppo dove una classe media in crescita farà aumentare il trasporto commerciale via autobus, treno, aereo, nave e mezzi pesanti. Il petrolio, fonte sostenibile sotto il profilo economico e ampiamente disponibile, rimarrà il principale carburante per il trasporto.

Tags:   ExxonMobil Outlook for Energygas naturaleriduzione delle emissioni
Potrebbe piacerti anche

Scopri di più