Sviluppare soluzioni per far fronte alla sfida dei rifiuti plastici. Insieme!

Prospettive

di Philippe Ducom, Presidente, ExxonMobil Europe. Traduzione dal testo originale in inglese. 

Quando le persone mi chiedono che lavoro faccio, di solito mi attengo alla risposta sbrigativa “sono un ingegnere”. Il che significa che il mio lavoro consiste nel trovare soluzioni. È questo che facciamo noi ingegneri: ci avvaliamo della nostra esperienza tecnica per migliorare prodotti e processi, per sviluppare nuove tecnologie e per cercare di trovare soluzioni a sfide complesse. Prendiamo ad esempio la sfida dei rifiuti plastici.

La sfida dei rifiuti plastici

La plastica è l’elemento di base di molti dei prodotti che utilizziamo nella vita quotidiana. Dalle piste su cui gli atleti olimpici raggiungono nuovi record, alle scarpe, all’abbigliamento, fino alle attrezzature di sicurezza: gli sport moderni fanno affidamento sulla plastica. Dai semplici cavi, agli smartphone fino agli elettrodomestici, molti dispositivi che utilizziamo ogni giorno si basano su nuove plastiche innovative.

La plastica è anche un componente fondamentale di molti prodotti salvavita nell’ambito del settore medico, tra cui mascherine, visiere e camici per il personale sanitario che tratta pazienti affetti da COVID-19 e altre patologie. E questi sono solo alcuni esempi.

Tuttavia, almeno 3 miliardi di persone in tutto il mondo non hanno accesso a strutture controllate per lo smaltimento dei rifiuti. Di conseguenza, una quantità significativa di rifiuti solidi – tra cui, ma non solo, la plastica – viene riversata nell’ambiente. Il pieno potenziale della plastica non può essere sfruttato se finisce negli oceani o nell’ambiente.

Condivido le preoccupazioni della società in merito ai rifiuti di plastica nell’ambiente. È un problema che va affrontato! Le materie plastiche hanno un valore per il loro intero ciclo di vita, anche quello finale. Ed è qui che entrano in gioco gli ingegneri: ci avvaliamo della nostra competenza tecnica, dell’applicazione creativa di princìpi scientifici e di nuove tecnologie per cercare di sfruttare appieno il valore della plastica.

Fornire uno sbocco valido per i rifiuti di plastica è un modo per incentivarne la raccolta e lo smistamento ma, per massimizzare questo valore, sono necessarie soluzioni tecnologiche. Sto parlando di tecnologie innovative come il riciclo avanzato, che scompone i rifiuti plastici in elementi molecolari per poi ricombinarli per produrre plastica riciclata equivalente a una materia plastica nuova.

Ma l’ingegneria non si limita allo sviluppo di tecnologie. Per spiegarmi meglio userò due esempi relativi alla ExxonMobil: Atando Cabos e la Alliance to End Plastic Waste.

Atando Cabos

Nella regione argentina della Patagonia, le corde da pesca in plastica una volta dismesse contaminavano le spiagge. Diversi gruppi si sono riuniti e hanno lanciato il progetto Atando Cabos con un semplice obiettivo: raccogliere le corde e riciclarle in prodotti di alta qualità. Ma spesso ciò che sembra semplice in realtà non lo è. Le squadre addette alla raccolta hanno scoperto che le corde erano composte da due materiali incompatibili che non potevano essere combinati nè separati. Ed è qui che è entrata in gioco la ExxonMobil.

Collaborando con Atando Cabos abbiamo scoperto che l’aggiunta al mix dei nostri polimeri ad alte prestazioni Vistamaxx ha reso i materiali delle corde compatibili e completamente riciclabili. Ora, le corde dismesse vengono trasformate in prodotti di alta qualità come le cassette. In appena un anno sono state riciclate più di 1.000 tonnellate di corde.

Alliance to End Plastic Waste

La ExxonMobil è un socio fondatore dell’Alliance to End Plastic Waste incentratata sullo sviluppo di soluzioni sicure, scalabili ed economicamente sostenibili per contribuire a eliminare i rifiuti di plastica dall’ambiente. L’adesione è aumentata fino a includere quasi 50 organizzazioni di tutto il mondo, in rappresentanza dell’industria chimica, di aziende di gestione dei rifiuti e marchi di consumo. L’Alliance mira ad accelerare ulteriori investimenti dimostrando l’efficacia di queste soluzioni, in particolare nei mercati con i più elevati livelli di rifiuti plastici.

Lavorare insieme

La ExxonMobil è consapevole della sfida rappresentata dai rifiuti di plastica nell’ambiente e si sta impegnando per affrontarla aumentando la riciclabilità della plastica, sostenendo il recupero dei rifiuti plastici e lavorando a soluzioni tecnologiche. Per riuscire a far fronte a questa sfida è essenziale che l’industria, i governi, i consumatori e la collettività  in generale collaborino per garantire la raccolta, lo smistamento, il riciclo e il recupero appropriati dei prodotti in plastica. Ogni parte della catena del valore dovrà concentrarsi sulle attività di propria competenza. Per noi, un’azienda di ingegneri e scienziati, ciò significa fornire soluzioni pratiche utilizzando la nostra esperienza e competenza tecnica, un’attività che svolgiamo con successo da oltre 135 anni.

Sono convinto che con la collaborazione di tutti possiamo mettere insieme i pezzi del puzzle e continuare a godere dei vantaggi della plastica evitando, al contempo, la dispersione di rifiuti plastici nell’ambiente.

Tags:   Alliance to End Plastic WasteAtando CabosPhilippe DucomRenewOceansRifiuti di plasticaVistamaxx
Potrebbe piacerti anche

Scopri di più