ExxonMobil è impegnata nel progresso del riciclo avanzato per contribuire a far fronte ai rifiuti di plastica

Prospettive

di Karen McKee, Presidente di ExxonMobil Chemical Company. Traduzione dal testo originale in inglese. 

Per contribuire a ridurre l’impatto dei rifiuti di plastica sull’ambiente la società dovrà riciclare un numero maggiore dei prodotti che utilizza, invece di smaltirli definitivamente. La ExxonMobil sta portando avanti tre nuove iniziative di riciclo avanzato, negli Stati Uniti e in Europa, che aprono nuove possibilità per valorizzare i rifiuti in plastica su vasta scala.

Per “riciclo avanzato”, noto anche come “riciclo chimico”, si intendono tecnologie e processi che consentono ad aziende come la ExxonMobil di convertire a livello molecolare plastiche difficili da riciclare in materie prime di qualità, utilizzabili per realizzare un’ampia gamma di nuovi prodotti di valore e, potenzialmente, ripetere continuamente questo processo.

Immaginate i vostri contenitori usati dello yogurt trasformati in apparecchiature sanitarie che saranno utilizzate nel corso della vostra prossima visita medica, oppure nel cruscotto della vostra prossima auto a basso consumo di carburante. È un modo semplicistico per descrivere un’economia più “circolare”, ma aiuta a illustrare a cosa sta lavorando la ExxonMobil.

  • A Baytown, in Texas, la ExxonMobil ha completato la fase iniziale di una sperimentazione per la trasformazione dei rifiuti di plastica in materie prime per la produzione di polimeri ad alto valore. In attesa dell’esito positivo della successiva fase del programma, nel corso dell’anno prevediamo di mettere sul mercato volumi di polimeri “circolari certificati”. Abbiamo anche intenzione di utilizzare i risultati della sperimentazione per aumentare le capacità di riciclo avanzato presso altri impianti chimici della ExxonMobil nel mondo che, essendo integrati nelle nostre attività downstream, offrono importanti economie di scala che contribuiscono a contenere i costi.
  • In Francia la ExxonMobil sta collaborando con Plastic Energy, un’azienda leader nel riciclo avanzato, a un progetto che trasformerà i rifiuti di plastica post-consumo in materie prime per la produzione di polimeri circolari certificati di altissima qualità. Lo stabilimento avrà una capacità iniziale di trattamento di 25.000 tonnellate di rifiuti di plastica all’anno, con un programma di incremento fino a 33.000 tonnellate nel prossimo futuro. In base ai piani attuali, prevediamo che sarà uno dei più grandi progetti di riciclo avanzato dei rifiuti di plastica in Europa. L’avvio è previsto per l’inizio del 2023.
  • La ExxonMobil è diventata socio fondatore di Cyclyx International, una joint venture con Agilyx, che sta sviluppando sistemi per aggregare e pre-trattare i rifiuti di plastica per soddisfare le crescenti esigenze del settore del riciclo avanzato. Cyclyx si prefigge di fornire il “collegamento mancante” tra le aziende di smaltimento dei rifiuti e quelle di riciclo, per favorire il riciclo avanzato su larga scala. La ExxonMobil detiene una partecipazione azionaria del 25% in Cyclyx.

Queste iniziative, insieme ad altre, ci aiutano a valutare e sviluppare ulteriormente su vasta scala opportunità di riciclo avanzato nei nostri stabilimenti.

Non è un’esagerazione affermare che le plastiche prodotte dalle sostanze petrolchimiche sono alla base di prodotti fondamentali per la vita moderna, utilizzati in moltissimi settori: ad esempio, attrezzature mediche, involucri per la conservazione degli alimenti, elettrodomestici per la cucina e componenti per auto. (Sapevate che le auto di oggi sono costituite per circa il 50% in plastica, il che le rende più leggere e contribuisce a migliorare l’efficienza dei consumi e a estendere l’autonomia dei veicoli elettrici?).

Il riciclo avanzato potrebbe consentire alla società di aumentare la “circolarità” di una gamma più ampia di prodotti rispetto al tradizionale riciclo meccanico della plastica che comporta la macinazione della plastica scartata e la miscelazione con nuova plastica. Il riciclo avanzato può trasformare più tipi e qualità di plastica in una più ampia gamma di prodotti di valore. A differenza del riciclo meccanico, dove ogni ciclo degrada la plastica, non vi sono limitazioni tecniche evidenti sul numero di volte in cui un prodotto di plastica può essere trattato attraverso processi di riciclo avanzati.

La ExxonMobil sfrutta le proprie competenze nella ricerca e sviluppo e nella gestione delle molecole per creare opzioni di riciclo avanzate presso i propri impianti petrolchimici integrati, in tutto il mondo.

Inoltre, collaboriamo con altri enti per trovare soluzioni, perchè per affrontare una sfida globale come quella dei rifiuti di plastica le sinergie sono fondamentali. Nel 2019, la ExxonMobil è diventata socio fondatore dell’Alliance to End Plastic Waste, la più importante organizzazione mondiale di aziende e partner non-profit per la gestione dei rifiuti di plastica a livello globale. Da allora, la partecipazione è cresciuta fino ad includere quasi 50 organizzazioni che si sono complessivamente impegnate ad investire più di 1 miliardo di dollari per sviluppare soluzioni sicure, scalabili ed economicamente sostenibili.

Questi sforzi sono parte di un impegno più ampio della ExxonMobil volto a soddisfare la domanda mondiale di energia e materiali, riducendo al contempo l’impatto ambientale e aiutando i clienti a ridurre il proprio.

La plastica è troppo preziosa e versatile per essere sprecata. La ExxonMobil continuerà a collaborare con il settore industriale, le istituzioni, le ONG e i consumatori per favorire una gestione adeguata dei rifiuti di plastica. E continueremo a incrementare i nostri sforzi per sviluppare nuove tecnologie e il riciclo avanzato al fine di contribuire a risolvere questo importante problema.

For more information, I encourage you to read ExxonMobil’s Sustainability Report or visit www.endplasticwaste.org.

Per ulteriori informazioni, vi invito a leggere il Sustainability Report della ExxonMobil o a visitare il sito www.endplasticwaste.org.

Tags:   collaborazioneCyclx Internationaleconomia circolareinnovazioneKaren McKeepartner di ricercariciclo avanzato
Potrebbe piacerti anche

Scopri di più