Che cos’è la CCS?

Scienza e Tecnologia

Poche tecnologie sono considerate dagli esperti più importanti di quella della cattura e stoccaggio dell’anidride carbonica, o “CCS”, per affrontare i rischi dei cambiamenti climatici. Applicata su larga scala, la CCS potrebbe ridurre notevolmente le emissioni di gas a effetto serra. L’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) afferma che gli scenari relativi ai cambiamenti climatici, incluso quello delineato nell’Accordo di Parigi, non possono essere raggiunti senza applicare la CCS alla produzione di energia elettrica e ad altri settori, e si tratta di un’opinione condivisa da molti.

Alla ExxonMobil l’importanza della CCS è ben chiara. Dal 1970 abbiamo catturato complessivamente più CO2 di qualsiasi altra azienda, arrivando ad oltre il 40% di tutta la CO2(1) catturata. Oggi abbiamo partecipazioni in più di un quinto della capacità di cattura di anidride carbonica a livello mondiale. Nel solo 2017 (2) abbiamo catturato quasi 7 milioni di tonnellate di COe continuiamo a stringere nuove partnership per sviluppare modi più efficienti per espandere l’applicazione di questa importantissima tecnologia.

La CCS ha il potenziale per catturare le emissioni di CO2 dalle centrali elettriche e dagli impianti industriali, ma come funziona? Guarda il nostro video per scoprirlo.

Per catturare e stoccare anidride carbonica su vasta scala, sono necessarie soluzioni specialistiche. ExxonMobil sta sviluppando sia la tecnologia per la cattura che i sistemi per lo stoccaggio. In effetti siamo stati tra i primi pionieri in entrambi i campi. Il nostro obiettivo è quello di ridurre i costi, la complessità e i grandi investimenti iniziali attualmente associati alla tecnologia CCS in modo che possa essere applicata in maniera più diffusa e possa aiutare a ridurre, in tutto il mondo, le emissioni di CO2 derivanti dal settore industriale.

Un approccio promettente su cui abbiamo rivolto la nostra attenzione è quello dell’utilizzo della tecnologia delle celle a combustibile a carbonati. Le celle a combustibile potrebbero catturare la CO2 dai grandi siti industriali e dalle centrali elettriche, rendendo al contempo più conveniente la cattura dell’anidride carbonica.

Alcune tecnologie per la cattura della COconsumano molta energia, ma le celle a combustibile funzionano in modo diverso. Esse catturano l’anidride carbonica e generano elettricità offrendo il duplice beneficio di una maggiore efficienza energetica e ridotte emissioni di CO2.

Recentemente abbiamo annunciato una nuova collaborazione con Global Thermostat per sviluppare un’altra tecnologia innovativa per la cattura dell’anidride carbonica. Stiamo lavorando insieme per sviluppare ulteriormente un sistema che aspira letteralmente la CO2 dall’aria! Parallelamente, abbiamo anche avviato una collaborazione con Mosaic Materials, i cui pellet – grandi come una mentina – assorbono in maniera efficiente la CO2 dalle fonti di emissione.

Sleipner è stato il primo impianto al mondo a stoccare in un deposito salino, al di sotto del fondale marino, l’anidride carbonica catturata.

La ExxonMobil è da anni pioniera nella tecnologia per lo stoccaggio dell’anidride carbonica. Negli Stati Uniti gestiamo un sito a Shute Creek, nel Wyoming, che ha catturato più COdi qualsiasi altro impianto. Già nel 1996 collaboravamo con Statoil (ora Equinor) per rendere operativa la piattaforma Sleipner nel Mare del Nord, al largo della costa norvegese. Sleipner è stato il primo impianto al mondo a stoccare in un deposito salino, al di sotto del fondale marino, l’anidride carbonica catturata.

C’è ancora molto da fare per sviluppare queste tecnologie e implementare con successo soluzioni di CCS applicabili su vasta scala a livello mondiale. Oggi siamo alla ricerca di nuove collaborazioni tecnologiche e di opportunità interessanti per espandere la nostra capacità di cattura e stoccaggio dell’anidride carbonica, e sosteniamo misure che incoraggiano l’applicazione su larga scala di questa tecnologia che offre un importante contributo agli sforzi globali per la riduzione delle emissioni di CO2.

Le potenzialità della CCS sono notevoli e stanno già attirando l’interesse del mondo.

Ulteriori approfondimenti:

Fonti:

  1. ExxonMobil – Innovating Energy Solutions 2019
  2. ExxonMobil – Energy and Carbon Summary 2019
Tags:   accordo di ParigiAgenzia Internazionale dell'Energiacattura e stoccaggio dell’anidride carbonicaCCScella a combustibileChe cos’è la CCS?FuelCell EnergyGlobal ThermostatSleipner
Potrebbe piacerti anche

Esplora di più