Investire Sulla Terraferma Per Ridurre Le Emissioni In Mare

Scienza e Tecnologia

Le navi mercantili di tutto il mondo svolgono un ruolo importante nella nostra vita quotidiana. Circa il 90% delle spedizioni internazionali di merci viaggia via mare(1), con 10,7 miliardi di tonnellate(2) (circa 9,7 miliardi di tonnellate metriche) di merci che hanno attraversato gli oceani nel 2017: un aumento del 4%(2) rispetto al 2016. Dal cibo ai mobili, dai carburanti ai prodotti farmaceutici, se si acquista un bene che arriva dall’estero è molto probabile che sia stato trasportato via mare.

In termini di consumo di carburante, la nave è il mezzo di trasporto più efficiente per grandi quantità di merci(3), con emissioni di CO2 inferiori a quelle di un camion, di un treno o di un aereo. Per rifornire la flotta mercantile globale, la ExxonMobil ha installato una Delayed Coker Unit (DCU) nella propria raffineria di Anversa, per produrre carburante a ridotto impatto ambientale per uso marina, ovvero gasolio e diesel a basso contenuto di zolfo.

L’entrata in esercizio della DCU ad Anversa, è parte di un piano di investimenti decennale della ExxonMobil, del valore di 2 miliardi di dollari (circa 1,7 miliardi di euro). I carburanti marina a ridotto impatto ambientale consentiranno alle navi di soddisfare i nuovi requisiti normativi imposti dall’International Maritime Organization (IMO), che stabiliscono limiti rigorosi per le emissioni di zolfo provenienti dai gas di scarico dei motori.

A partire dal 2005 i regolamenti IMO hanno costantemente ridotto la quantità di zolfo utilizzabile nei carburanti uso marina(4) e dal 1° gennaio 2020 “i limiti di zolfo nell’olio combustibile utilizzato per le navi che operano al di fuori delle aree designate di controllo delle emissioni verranno ridotti allo 0,50% m/m (massa/massa)(4)”. Si tratta di una riduzione significativa rispetto all’attuale limite del 3,5%.

Secondo l’IMO, queste nuove norme “ridurranno in modo significativo la quantità di ossidi di zolfo emessa dalle navi, e dovrebbero produrre considerevoli benefici sotto il profilo della salute e dell’ambiente”(4).

Fonti:

1.  International Chamber of Shipping

2. UN Conference on Trade and Development

3.  European Parliament

4.  International Maritime Organization

 

Tags:   Anversabasso zolfocarburante marina a ridotto impatto ambientaleDelayed Coker Unitdiesel marinagasolio marina a basso contenuto di zolfoInternational Maritime Organizationriduzione delle emissioni
Potrebbe piacerti anche

Scopri di più