Coronavirus: Affrontiamo Una Nuova Sfida

Responsabilità Sociale

ExxonMobil si sta impegnando per contribuire a soddisfare le esigenze degli operatori sanitari e di quanti, in prima linea, occupano posizioni critiche nella lotta alla pandemia di coronavirus. Nel seguire la costante evoluzione di tali esigenze, continuiamo anche a rispondere alla domanda di energia a livello globale.

“Sulle piattaforme offshore, nelle raffinerie, negli impianti per la produzione di lubrificanti e prodotti chimici così come in tutte le nostre altre strutture nel mondo, i nostri dipendenti svolgono le attività proteggendo sé stessi e gli altri”, ha affermato Darren Woods, Presidente e CEO di ExxonMobil.

La sicurezza è la priorità assoluta. Abbiamo adottato nuove misure igieniche e politiche di distanziamento sociale presso le nostre strutture a livello mondiale e molti dipendenti lavorano a distanza, da remoto, per contribuire a limitare la diffusione del COVID-19.

  • Per le posizioni più critiche per le nostre attività, come gli operatori di raffineria, degli impianti chimici e dei siti di produzione, il personale opera in turni composti da un numero limitato di persone e tra i lavoratori deve essere rispettata la “distanza di sicurezza”.
  • Per i consumatori che effettuano rifornimento di carburante ai propri veicoli, abbiamo collaborato con i titolari delle stazioni di servizio a marchio Esso per igienizzare le superfici e gli erogatori delle pompe con maggiore frequenza e incoraggiare l’uso del pagamento contactless ove disponibile, ad esempio nel Regno Unito tramite l’app Esso.

Nel frattempo, continuiamo a produrre i carburanti di cui il mondo ha bisogno.

  • Benzina, gasolio, carburante per la marina e altri prodotti vengono spediti in tutto il mondo, consentendo a medici, infermieri e altro personale sanitario di raggiungere gli ospedali per assistere i pazienti.

Gli impianti chimici, vicini e lontani, sono in attività per contribuire a colmare la carenza di dispositivi di protezione e disinfettanti per uso medico.

  • Il più grande impianto produttivo al mondo di alcool isopropilico, lo stabilimento chimico di Baton Rouge, in Louisiana, negli Stati Uniti, sta lavorando alla massima capacità per fornire l’ingrediente principale della soluzione igienizzante per le mani a coloro che ne hanno bisogno, rifornendo anche lo Stato di New York, attualmente l’area più colpita degli Stati Uniti.
  • A seguito della richiesta da parte di un’azienda limitrofa, la raffineria ExxonMobil di Gravenchon, nel nord della Francia, è stata in grado di fornire i flaconi necessari perché potessero provvedere al confezionamento e al trasporto del disinfettante per le mani alle strutture mediche.
  • Stiamo anche contribuendo a fornire i prodotti chimici necessari per la produzione di mascherine per uso medico, sacche per infusione endovenosa, respiratori e camici ospedalieri.

In sintesi: indipendentemente dalla crisi che il mondo si trova ad affrontare, il personale del Gruppo ExxonMobil lavora attivamente per continuare a fornire i prodotti energetici e chimici necessari per farvi fronte.

Phillipe Ducom

Tags:   Alcool IsopropilicocoronavirusCOVID-19forniture medicalisicurezza
Potrebbe piacerti anche

Scopri di più