ExxonMobil amplia l’accordo con Global Clean Energy Holdings sui carburanti rinnovabili

Attualità

La ExxonMobil e Global Clean Energy hanno ampliato il loro accordo quinquennale portando l’acquisto di diesel rinnovabile da parte di ExxonMobil fino a cinque milioni di barili all’anno. ExxonMobil comprerà in esclusiva diesel rinnovabile dalla bioraffineria Global Clean Energy di Bakersfield, in California, che è previsto avvii la produzione ad inizio 2022. Il diesel rinnovabile sfrutterà la coltura di camelina, brevettata da Global Clean Energy, che in un’analisi sull’intero ciclo di vita può ridurre significativamente le emissioni di gas a effetto serra.

“L’ampliamento dell’accordo con Global Clean Energy rafforza il nostro impegno di lunga data nel sostenere le ambizioni della società per combustibili a basse emissioni”, ha dichiarato Ian Carr, presidente di ExxonMobil Fuels and Lubricants. “Grazie a questa rinnovata partnership, continuiamo a rendere disponibili sul mercato carburanti rinnovabili che apportano un contributo significativo nell’aiutare i consumatori a ridurre le emissioni”.

In base all’analisi dei dati del California Air Resources Board, il diesel rinnovabile derivante da varie materie prime diverse dal petrolio può offrire, nell’intero ciclo di vita, una riduzione delle emissioni di gas a effetto serra approssimativamente tra  il 40 e l’80% rispetto al diesel prodotto dal petrolio. Se inserita in un ciclo di rotazione delle colture in zone aride, la camelina può contribuire a soddisfare la crescente domanda globale di materie prime non petrolifere a basse emissioni di anidride carbonica.

“Il nostro lavoro presso la bioraffineria di Bakersfield è un esempio perfetto di ciò che può essere realizzato quando un leader di settore, come la ExxonMobil, supporta un’azienda emergente del settore delle energie rinnovabili, come Global Clean Energy, con contratti a lungo termine”, ha affermato Richard Palmer, CEO di Global Clean Energy Holdings. “Collaborando attraverso le tradizionali linee agricole, energetiche e della catena di distribuzione, stiamo dimostrando come aziende di settori diversi, grandi e piccole, possono lavorare insieme per rendere disponibili sul mercato carburanti a basse emissioni di anidride carbonica”.

La bioraffineria di Bakersfield lavorerà fino a 15.000 barili al giorno di materie prime rinnovabili, inclusa la camelina di cui Global Clean Energy detiene il brevetto. Il diesel rinnovabile sarà comunque prodotto utilizzando varie materie prime non petrolifere, tra cui olio da cucina usato, olio di soia, olio di mais dei distillatori e altre fonti rinnovabili.

L’accordo originale, siglato nell’agosto 2020, impegnava la ExxonMobil all’acquisto di 2,5 milioni di barili di diesel rinnovabile all’anno. Dopo l’avvio della produzione, la ExxonMobil ha in programma di distribuire il diesel rinnovabile in California e, potenzialmente, su altri mercati degli Stati Uniti e internazionali.

Tags:   camelinaDiesel rinnovabileGlobal Clean Energy
Potrebbe piacerti anche

Scopri di più